Gestire le emozioni difficili

gestire le emozioni difficili

Gestire le emozioni difficili. Molte delle nostre energie se ne vanno nel tentativo, a volte vano, di gestire le emozioni difficili. Sono quelle emozioni che ci agitano e turbano, che rendono confusi i nostri pensieri. Rabbia, frustrazione, paura, inadeguatezza, tristezza, sconforto, ambivalenza, euforia, sorpresa, stanchezza, soddisfazione…. Sono molte le sfumature emotive che si affacciano nell’arco di una giornata. Se sono emozioni positive fila tutto liscio: la vita ci appare rosa, siamo positivi e pieni di energie e progetti. Ma se fa capolino un’emozione negativa possiamo perdere la bussola e ritrovarci confusi.

Sei passi per gestire le emozioni difficili

Vediamo come gestire le emozioni che in qualche modo hanno il potere di cambiare negativamente il nostro umore .

Immagine tratta da “The Gottman Institute”

Osserva

Innanzitutto fermati, e osserva quello che stai sentendo nel corpo e nell’animo. Fai spazio a quello che c’è e osserva senza giudizio. Prenditi il tempo di capire di cosa si tratta.

Identifica e dai un nome a quello che osservi

C’è una sensazione fisica? Che emozione puoi riconoscere in quello che senti? Dai un nome a quella emozione. Riconoscere l’emozione ti permette di imparare a contenerla senza agire impulsivamente.

Accogli l’emozione

Una volta che hai identificato l’emozione, accettala. Stai in contatto con quella emozione senza negarla, ma facendo spazio dentro di te. Può essere doloroso sul momento, ma questo contatto migliora la tua capacità di fare i conti con aspetti spiacevoli della realtà. Ciò significa maggior equilibrio e radicamento, atteggiamenti importanti quando si tratta di affrontare momenti difficili della vita.

Tutto è impermanente

Mentre osservi e accogli sensazioni ed emozioni, puoi notare che non hanno sempre la stessa intensità. Gli stimoli sorgono e possono essere anche molto intensi. Osserviamo poi che hanno una durata, che a volte può sembrarci insopportabile e infinita. Ma se abbiamo la pazienza di continuare ad osservare, possiamo infine renderci conto che tendono a diminuire e si estinguono. Tutto passa, e noi possiamo decidere come relazionarci con ciò che accade nel qui ed ora.

Analizza ciò che osservi

Ora che sei a contatto con l’emozione difficile, analizza ciò che osservi. L’emozione che provi a cosa è legata? In quale contesto è sorta? Quali pensieri sollecita? Con chi o cosa ha a che fare? Questa osservazione approfondita ti permette di fare chiarezza su ciò che stai vivendo, uscendo dalla confusione.

Lascia andare

Quello che osserviamo e scopriamo di noi stessi non deve diventare un contenuto a cui rimanere ostinatamente attaccato. Non rimuginare, ma lascia andare e fai in modo che quel che hai scoperto possa diventare una risorsa per vivere con consapevolezza.

L’immagine in evidenza è Lara di Sofia Bonati

Autore: Silvia Zuccaro

Psicologa psicoterapeuta, pratico yoga e meditazione da diversi anni. Sono istruttrice di protocolli mindfulness MBSR(mindfulness based stress reduction) e MBCT(mindfulness based cognitive therapy) e insegnante di Hatha Yoga e Mindfulness Yoga. Vivo e lavoro a Roma.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...